Senato: Bordon e Rame si DIMETTONO da senatori

Stampa
In questi giorni non si è fatto altro che parlare delle dimissioni di Clemente Mastella, mentre senza nessun interesse da parte dei media, in Senato si sono dimessi Willer Bordon e Franca Rame.

 

La lettera di Willer Bordon (Gruppo Misto): "Caro presidente, con la presente, rassegno le mie dimissioni da senatore della Repubblica... una decisione che non è un atto di rassegnazione, né tantomeno un gesto aventiniano, ma un atto forte di testimonianza di chi sente il dovere di difendere le istituzioni dalla deriva di sfiducia che investe la politica".

La lettera di Franca Rame (Italia dei Valori): "In tante occasioni ho fatto prevalere sui miei orientamenti personali la lealtà al governo, ora mi sento complice di un'indegnità democratica... stiamo aspettando da 19 mesi che vengano mantenute le promesse fatte in campagna elettorale, come la legge sul conflitto d'interessi e quelle sul riassetto del sistema televisivo e sulla Rai".

Se le loro richieste dovessero essere accolte, la caduta della maggioranza sarebbe alle porte, ma quello che di più indigna, è che le loro dimissioni non hanno avuto la stessa visibilità, lo stesso clamore e la stessa solidarietà che ha ricevuto il guardasigilli.
L'omissione delle informazioni da parte della TV nazionale è ormai una pratica abituale nel nostro Bel Paese, ma ciò che non riesce a capire chi governa è che questa situazione mediatica non fa altro che ridurre la fiducia degli italiani verso le istituzioni.
In più il sensazionalismo spicciolo dettato dalla logica dell'auditel, non migliora di certo le cose, per attirare l'attenzione dei media oggi bisogna essere indagati dalla magistratura, una notizia di carattere esclusivamente politico ormai è solo roba da programma di approfondimento notturno.

Commenti  

 
# Linuccio 21-01-2008 17:08
Più passa il tempo e più i mass-media diventano inaffidabili... Questa situazione provoca danni difficilmente rimediabili nella opinione pubblica, la realtà che ci circonda può apparirci diversa a seconda delle notizie che vengono trasmesse e in base al modo in cui si comunicano... per fortuna esistono mezzi di informazione come internet, in questo caso però è necessario un impegno maggiore da parte dell'utente. L'unico consiglio che si può dare è: informati e ascolta le notizie, ma non "imbuccare"! ;-)
 

You have no rights to post comments