Berlusconi plasma il suo ritorno sul modello Blair

Stampa

Silvio Berlusconi
Il controverso magnate chiede elezioni anticipate dopo la disputa che ha fatto cadere Prodi e propone un piano in 10 punti in stile britannico.

Silvio Berlusconi ha dato uno stampo del tutto britannico alla sua campagna elettorale, promettendo di governare per tre anni, se eletto, con un’ impostazione, pragmatica più che ideologica, modellata su Tony Blair – prima di affidarla a un “Gordon Brown italiano”. “Berlusconi proporrà un piano in 8-10 punti molto semplice, molto pragmatico e molto britannico, simile allo stile di Tony Blair di cui Berlusconi apprezza i risultati e con cui ha sempre avuto un eccellente rapporto”, ha dichiarato il suo portavoce, Paolo Bonaiuti, all’Observer.

Berlusconi, 71 anni, ha tenuto il suo primo discorso elettorale a Napoli lo scorso venerdì in seguito al collasso, dopo 20 mesi e a causa del mancato appoggio di alleati chiave nel Senato, della litigiosa direzione di centro-sinistra di Romano Prodi. Berlusconi ha ripreso fiato da quando ha subito un piccolo intervento al cuore ed ora, il grande imprenditore, fa dei sondaggi per formare il suo terzo governo. Chiedendo le elezioni anticipate ad aprile si oppone al Presidente Giorgio Napolitano, il quale terrà degli incontri con i leaders politici fino a martedì, per trovare il consenso per un governo tecnico in grado di riformare lo scomodo sistema elettorale italiano.

Una legge elettorale fatta durante il governo Berlusconi nel 2005, ha reso molto influenti i piccoli partiti in Parlamento, ben 39 fazioni distribuite tra i banchi della Camera dei Deputati e del Senato fino alla scorsa settimana. Il probabile successore di Prodi come leader del centro-sinistra, il sindaco di Roma Walter Veltroni, è chiamato ad una revisione del sistema, così come Luca Cordero di Montezemolo, l’influente presidente di Confindustria. Mentre Prodi cadeva a causa delle dispute di alleati minori, Berlusconi ne beneficiava. È stato raggiunto a Napoli dal Senatore Sergio de Gregorio, eletto con Prodi nel 2006, per formare un piccolo partito, Italiani nel mondo, e passare nel centro-destra.

Mercoledì, dopo aver stappato champagne nell’ aula del Senato non appena Prodi ha perso l’ultimo voto di fiducia, Bonaiuti ha dichiarato che il trionfo di Berlusconi avrebbe assunto le tinte di un approccio alla Blair. “Andremo avanti nel modo britannico, con calma, con possibili richieste di cooperazione con l’opposizione su alcuni problemi difficili”, ha detto. Un problema, probabilmente, è quello di trovare una soluzione alla crisi dei rifiuti a Napoli, che ha ormai le strade colme di immondizia.


Berlusconi ha detto che le sue priorità sono quelle di eliminare l’ICI e di introdurre un periodo di 5 anni di galera per i pubblici ministeri che fanno intercettazioni, facendo eccezione per i casi di mafia o per i crimini di terrorismo. I giornali che pubblicano le trascrizioni d’intercettazioni trapelate saranno multati di 2milioni di euro, ha aggiunto. Questo mese a Napoli, il pubblico ministero ha richiesto Berlusconi al banco dei testimoni, dopo alcune registrazioni telefoniche con una figura rilevante della RAI, la televisione di stato, a cui forse prometteva un ritorno d’affari se cinque attrici da lui elencate fossero state assunte.

Berlusconi è sempre stato bersaglio di numerose indagini di corruzioni, finite con l’assoluzione o cadute in prescrizione. Berlusconi ha sempre negato tutto.

di Tom Kington, The Guardian
traduzione di Daniela Antonella Rocchina Alemanno
fonte: Cani Sciolti

 

 

Commenti  

 
# Nicola 31-01-2008 09:00
Il programma elettorale di Berlusconi è come al solito colpire al cuore giustizia e informazione, ovvero tappare la bocca ai media sulle malefatte del potente di turno. La corte di Strasburgo però ha recentemente riconfermato la libertà dei media nel pubblicare le trascrizioni d’intercettazio ni trapelate. Quindi per Strasburgo sarà una legge incostituzional e.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna